CAMPOBASSO: Scuola Allievi Agenti - Aggregazioni

Il S.I.A.P. ha sempre lottato affinché la Scuola Allievi Agenti di Campobasso non chiudesse, ed è notizia di qualche mese fa che il Capo della Polizia in videoconferenza, ha dichiarato che la Scuola A.A. di Campobasso non è destinata a chiudere, si sta elaborando un progetto per valorizzare le risorse umane e professionali ivi operanti. L'auspicio della Segreteria Provinciale é che per fine anno arrivino gli allievi e si ponga fine a questa inutile aggregazione di 18 unità presso la Questura di Campobasso e 3 uniti presso la Polizia Stradale. Un'aggregazione così lunga è inammissibile, non trova assolutamente giustificazione, crea solo disagio e precarietà, oggi riconosciute ad altre categorie di lavoratori e non ai poliziotti. Riteniamo che essa non trova giustificazione, se il fine dell'aggregazione é quello di potenziare l'attività di controllo del territorio e concorrere in una maggiore sicurezza dei cittadini, allora sarebbe inopportuno lamentarsi, purtroppo per, ciò non accade, in strada oggi, si vedono solo operatori della Scuola A.A., escono meno volanti di prima, e molte volte anche per fare uscire una sola volante a turno si è costretti a ricorrere ai doppi turni. Tale aggregazione avvalora sempre più la nostra tesi, la gravissima carenza di personale della Polizia nella provincia di Campobasso ormai ridotta all'osso, che anche con il sacrificio dei colleghi, non si riesce più a garantire la Sicurezza, servizio essenziale dei cittadini.
L'Istituto di Campobasso, ogni anno oltre all'attività di formazione contribuisce in maniera massiccia alle aggregazioni estive inviando 8-9 uomini nei mesi di luglio - agosto, mentre altri Istituti di formazione anch'essi senza corsi in atto, pur avendo il doppio dell' organico, ne inviano al massimo 1- 2 unità (alcuni nessuna unità), questa discriminazione danneggia la stabilità lavorativa degli Operatori della Giulio Rivera che sta a cuore a questa O.S., in primis perché anche se aggregati presso la locale Questura da due anni, sembra che abbiano perso ogni diritto, nulla possono chiedere né tantomeno avere aspirazioni, le domande di trasferimento prodotte per altri reparti della provincia non sono prese in considerazione, perché si trovano in una situazione di stallo come quella attuale, dalla Scuola non entra e non esce nessuno. Vista la grave situazione e vista anche la richiesta del Signor Questore di Campobasso di una ulteriore aliquota di personale da aggregare in Questura, si chiede, agli organi in indirizzo, ognuno per le proprie competenze di attivarsi affinché questa situazione paradossale cessi definitivamente prendendo finalmente una decisione seria sulle sorti della Scuola A.A. di Polizia di Campobasso. Campobasso 19 settembre 2011.
 


Pubblicato giovedì 22 settembre 2011 alle ore 11:19.
© Riproduzione riservata